Calcio‎ > ‎Blog Calcio‎ > ‎Calcio Under 15‎ > ‎

La "Stracittadina" è ancora nostra: AVESA - CADORE 3 - 2

pubblicato 14 mar 2012, 10:07 da Riccardo Parisato   [ aggiornato il 14 mar 2012, 10:09 da Alessandro Zamperini ]



Dopo la dolorosa sconfitta di Parona, l'Avesa ricomincia la sua marcia con la vittoria per 3-2 ai danni del Cadore nell'inedito derby giocato in notturna.
Un risultato giusto nel complesso, che avrebbe potuto essere ben più rotondo visto le tante occasioni mancate e non solo.
Mister Manzato schiera un 4-3-3 con Foti in porta, Grechi - Martignoni - Rinaldi - Lupi, Marconi - Senna - Gatti, Salzano - Vannini - Lui.
Proprio quest'ultimo dopo appena 7' minuti fa decollare la squadra rosso-blù facendosi trovare prontissimo su un cross rasoterra proveniente dalla destra, palla sotto la traversa e Avesa avanti.
Passano appena 3' e lo stesso Lui trova il raddoppio con un pallonetto meraviglioso che si insacca nell'angolino,dopo un lancio dalle retrovie che vede impreparata la difesa ospite.
Il Cadore non molla e si fa vivo dalle parti di Foti con la gran giocata di Ciserani che con un destro al volo colpisce in pieno la traversa a portiere battuto.
Al 31' la formazione in maglia bianca trova la rete che dimezza lo svantaggio con Corradi che spinge letteralmente dentro il pallone dopo un colpo di reni di Foti che era riuscito a sventare un pericolosissimo colpo di testa.
Al 36' l'Avesa mette a segno la rete del 3-1 con Grechi che svetta in solitaria in area di rigore sugli sviluppi di un corner, ma il direttore di gara incredibilmente fischia un fallo inesistente e mentre tutta la squadra festeggia sotto le tribune, il Cadore da squadra intelligente com'è riprende il gioco e avvia un veloce contropiede con Martignoni che riesce a recuperare in extremis su un'iniziativa del sempre vivo Ciserani tra le proteste di tutto il comunale.
La gioia del vero 3-1 arriva però al 44', cambia solo il marcatore, si passa da Grechi (sarebbe stata la prima rete stagionale) a Lui (22° centro in campionato) che mette così a segno la tripletta da grande ex, sfruttando al meglio un lancio di Salzano che mette il pallone tra difensore e portiere.
3-1 dunque alla pausa.
Ad inizio ripresa primo cambio nell'Avesa: fuori Marconi e dentro Corsi.
L'arbitro non riesce più a gestire la partita, soprattutto quando al 56' Mezzari dai 20 metri conclude verso la porta, la palla colpisce la traversa e rientra in campo, ma l'arbitro assegna la rete che riporta in partita il Cadore: Avesa 3 Cadore 2.
Al 66' fuori capitan Senna e dentro Menna.
Gli ospiti credono nella rimonta e al 69' Bonato su punizione colpisce il palo, con Foti leggermente in ritardo.
Da qui in poi il Cadore non concluderà più verso la porta rosso-blù, l'Avesa dal canto suo riesce a tener bene palla e a ripartire velocemente, ma prima Gatti, poi Vannini e infine Salzano non trovano la rete della sicurezza.
Al 76' fuori Salzano e dentro Parisato, ed è proprio quest'ultimo ad andare vicinissimo al 4-2 con una gran conclusione dai 35 metri che però trova prontissimo Serenelli che mette in angolo non senza difficoltà.
Nel finale assalto disperato degli ospiti che però non trovano il pareggio con l'Avesa che regge senza particolari patemi.

La palma di migliore in campo va senza dubbio a Matteo Lui, che mette a segna una bella tripletta, ma che si mette anche al servizio della squadra tornando indietro a recuperare il pallone.

Matteo Lui 

Sabato ci attente una gara non facile con il Garda, squadra che staziona stabilmente al 6° posto e nonostante all'andata sia finita 4-1 per noi non è certo da sottovalutare (vedi il Parona).
Abbiamo corso tanto fino adesso, stiamo avendo una leggera flessione perchè non vinciamo più così facilmente come prima.
Dobbiamo riprendere la mentalità e la voglia di vincere di poche settimane fa.
IL CAMPIONATO NON è FINITO; FORZA RAGAZZI, FORZA AVESA!




Comments