Calcio‎ > ‎Blog Calcio‎ > ‎Calcio Under 15‎ > ‎

4^Ritorno Burecorrubbio-Avesa HSM 3 - 3

pubblicato 30 gen 2011, 10:09 da Unione Sportiva Avesa HSM   [ aggiornato il 30 gen 2011, 10:57 da Alessandro Zamperini ]
"LA REMUNTADA"  
 
 ... pareggiare in casa della capolista, sotto di 3 goal e in 10 contro 11 + ARBITRO non ha prezzo.... 
 
 per tutto il resto c'e' AVESACARD !!!
 
 
 
 
 
Il calendario nella 4^ di ritorno offre uno dei match più importanti da qui alla fine del campionato, ovvero quello tra il Burecorrubbio capolista e l'Avesa inseguitrice. La partita comincia con le due squadre che non badano tanto a studiarsi ma bensì a segnare, ma agli ospiti viene strozzato il grido in gola quando Vannini lanciato a rete da Salzano viene fermato dal direttore di gara non per un fuorigioco, non per un fallo ma bensì per una caduta proprio dell'arbitro che correndo si scontra con Grechi. L'Avesa recrimina e ne ha tutte le ragioni. Da qui in poi è il Bure a spingere e a portarsi in vantaggio grazie ad un goal irregolare visto che Procacci aveva già agguantato il pallone ma in seguito l'attaccante lo carica e mette dentro per l'1-0, proteste dalla panchina rosso-blu ma non c'è verso: palla al centro e gol valido. L'Avesa ora deve recuperare sbilanciandosi e in questo modo favorisce il contropiede ed è così che arriva il raddoppio del Bure anche se c'è da recriminare di nuovo perchè l'attaccante locale è partitò nettamente in fuorigioco rispetto a Rinaldi. Anche qui proteste ma nulla da fare. Gli ospiti entrano in confusione e subiscono gli attacchi del Bure, ma Procacci salva il risultato in almeno 3 occasioni. L'Avesa sembra soccombere in tutto, sul piano del gioco, della voglia, della fatica (tant'è che Martignoni rientrato proprio ieri si infortuna di nuovo ed è costretto ad alzare bandiera bianca, al suo posto Menna), del morale a tal punto che Sinico e Rinaldi, i due forse più corretti e rispettosi trovano sfogo e rabbia nel rispondere a Mr. Bortoletto anche se tutto ciò era comprensibile vista la situazione. Poi ci si mette anche la sfortuna quando al 45' già scoccato il Bure perviene al 3-0 con una bella e fortunata giocata dell'attaccante che batte l'incolpevole numero 1 avesano. FINE PRIMO TEMPO: BURE 3 AVESA 0
Inevitabile la tirata d'orecchie da parte del mister agli 11 in campo. Il secondo tempo inizia bene se non fosse che, Massarola tentando la conclusione a rete, viene agganciato da dietro e atterrato, calcio di rigore NETTO non dato che avrebbe potuto riaprire l'incontro. La svolta della gara arriva dal 50' al 55' quando l'Avesa subisce l'allontanamento di Mr. Bortoletto e anche l'espulsione di Sinico quest'oggi capitano per l'assenza di Parisato relegato in panchina. Proprio quest'ultimo calciando un pallone con rabbia e violenza nel campo di tamburello ci fa vedere la fotografia di quel momento in casa avesana. Spada si improvvisa allenatore in campo spingendo alla rimonta i compagni che segnano l'1-3 con Massarola abilissimo a battere il portiere dopo aver evitato un difensore.
Il goal porta entusiasmo ma la rimonta e' difficile.Si tenta il tutto per tutto e così entrano Lui e Parisato per uno spento Salzano ed esausto Vannini che ha dato molto per la squadra senza i frutti sperati e forse è stata questa mossa a cambiare la gara. Passano pochi secondi e l'Avesa fa 2-3 con Venturelli che con una girata mancina si fa trovare al posto giusto al momento giusto. Sembra impossibile la rimonta fino a quando i rosso-blu guadagnano una punizione da 40 metri... bisogna rischiare; tutti in area con Parisato che scodella il pallone in mezzo, nella mischia spunta Gatti, pallonetto di testa e palla a fil di palo con la panchina ospite che esplode con ammucchiata sopra Nicolò veramente inesauribile quest'oggi.  
Siamo 3-3, mancano 10 minuti. Partita finita? Certamente no. L'Avesa ormai è imprendibile, o meglio, si può prendere solo con le mani, come quando Parisato da posizione defilatissima calcia una staffilata all'incrocio che il portiere del Bure riesce a deviare in angolo con le unghie. Dal calcio d'angolo batti e ribatti in area ma la palla non vuole più entrare. 3-3 il finale. Gioia per la rimonta, ma rabbia per non esser riusciti a vincere come sarebbe stato giusto.

NON E' ANCORA FINITA. CONTINUIAMO SU QUESTA STRADA.
P.R.
Comments