Calcio‎ > ‎Blog Calcio‎ > ‎Calcio Allievi‎ > ‎

"Arrivederci do Brasil": cronaca di una "remuntada"

pubblicato 13 feb 2011, 06:49 da Angelo Rubino   [ aggiornato il 19 ott 2015, 02:59 da Alessandro Zamperini ]

L’ultima partita di Vinicius all’Avesa inizia come sempre con i giocatori quasi contati senza Giovanni Dall’Ora che si accomoda in panchina per dolori all’inguine e Rigo a casa con la febbre:tocca a Landi improvvisarsi portiere. Gli ospiti partono bene mentre l’Avesa non riesce a trovare il giusto equilibrio tra i vari reparti e purtroppo su un’incertezza della difesa e l'improvvisato portiere, da posizione defilata, si portano in vantaggio e raddoppiano dopo poco. Qui la rabbia sale e l’Avesa inizia ad attaccare; la partita si fa molto dura con falli e battibecchi. Nella ripresa entrano Dall’Ora e Cavallini anche se non al massimo della forma: la squadra si squote e comincia "la remuntada" con una doppietta di Cavallini che prima insacca nell’angolino basso e poi, con un tiro dal limite, sotto l’incrocio.Molto dura e cattiva la partita con molte provocazioni e insulti tra un difensore dell’Avesa e il numero 11 molto abile nel dribbling ma poco cronceto sotto porta.Molte occasioni per il clamoroso ribaltamento del risultato non sfruttate: onore ai ragazzi per non aver mai mollato. ”Arrivederci do Brasil” recitava uno striscione appeso a bordo campo dai ragazzi della squadra in onore di Vinicius, chiaro segno che si aspettano di rivederlo presto anche se partirà per la sua terra tra pochi giorni. FORZA RAGAZZI. Non molliamo. 
L.O.
Comments