Archivio‎ > ‎

Indie busillis - L'attore campo

pubblicato 17 dic 2014, 00:42 da Unione Sportiva Avesa HSM   [ aggiornato in data 14 gen 2015, 03:13 ]
Il busillis, la difficoltà, il problema di difficile soluzione.

A fine girone di andata è normale e legittimo tirare le somme, come ha detto il presidente alla cena degli allenatori e dirigenti svoltasi lunedì scorso nei rinnovati locali del Circolo NOI. 
Alla gradita presenza del Vicesindaco avv. Stefano Casali, che ci ha onorato della sua compagnia, Ivano Avesani ha fatto una breve discorso per ringraziare i presenti che quest’anno erano davvero tutti, iniziando dai cuochi e tutti coloro che generosamente hanno collaborato per la riuscita di questo incontro.
Poi ha fatto un breve bilancio. 
Con sua grande soddisfazione positivo: per i rapporti fra i ragazzi, fra gli allenatori, fra i dirigenti ed i genitori. 
Per lo spirito con cui Scuola Calcio ed il Settore Giovanile progrediscono nel continuo miglioramento, del quale voci esterne continuano a darci conferme e riconoscimenti.
Le classifiche non interessano, bravi tutti, chi è primo e chi non lo è. L’importante, ha detto, è che si mantenga sempre il rispetto e l’educazione, lo stile che da sempre ci contraddistingue.

Fin qui il presidente.
Ora inizia la redazione del sito che con i toni più morbidi possibili, tocca una nota dolente.
Inutile girarsi dall’altra parte. fra tante squadre che danno soddisfazioni, ce ne è una che, diciamo, zoppica.

Le cause non si comprendono, le analisi sono state fatte, le parti in causa valutate ad una ad una: niente. 
Un busillis !
Il primo, che di solito fa da capro espiatorio, è l’allenatore, ma tutti, giocatori, staff, dirigenti e società concordano che Lucio sta dando il massimo, onestamente, con competenza e con grande tenacia.
I giocatori, tutti singolarmente dotati di discreta tecnica, affiatati, esperti, volenterosi si impegnano al massimo: lo dice l’allenatore, li abbiamo visti in allenamento e in partita.
Gli alibi, arbitro, campo, clima, infortuni, squalifiche, sfortuna, tutte prese in considerazione, sono fuffa e non portano a nessuna soluzione.

Abbiamo provato anche a suggerire un rientro al campo storico di casa,
quello......, per intenderci, che tutti considerano un campo di patate, ma che in realtà ci ha già salvato due volte in 1^ categoria e ci ha fatto passare dalla 3^ in 2^ e dalla 2^ alla Prima,
quello....... dove i pochi avesani che la domenica venivano a vederci, difficilmente si spingono fino al Santini,
quello...... dove, se il tifo c’è, lo senti da vicino,
quello .......che se piove molto regge meglio di molti altri campi,
quello....... che se la palla va fuori non devi correre a recuperarla,
quello....... che tutte le squadre avversarie temono proprio per la presunta gibbosità, ma sulla quale solo noi siamo allenati a giocare,
quello .......che teme persino il San Zeno che per due anni di fila ci ha rimesso le penne,
quello....... gratuito che non costa nulla alla Società, 
quello .......dove dopo la partita ti bevi una birrozza sotto il tuo gazebo,
quello........che se ne risparmiassimo il costo potremmo metterlo in palio con un triangolare in pullman da qualche parte in caso di salvezza,
quello........per cui stiamo lottando tenacemente per ottenerlo in sintetico addirittura il prossimo anno.

Secondo noi, i gestori del sito, i primi tifosi dell'Avesa, coloro che davvero non sopporteranno una retrocessione, se ne potrebbe parlare. Sappiamo bene che il parere del D.S. è decisamente contrario per molti di questi aspetti, ma soprattutto vuole giustamente mantenere le promesse fatte alla squadra ad inizio campionato.
Ma non è detto che, ragionandoci con calma, valutando i pro e i contro, soppesando gli aspetti tecnici e tattici, oltre che economici e di immagine, interpellando magari gli stessi giocatori ed allenatori in una riflessione articolata, non si trovi, una soluzione che risolva finalmente il busillis.
Trovare l’uovo di Colombo!

E un giorno, magari un altr’anno, ricordando questo giorno e questo frangente, questo argomento, qualcuno scrivera......

In diebus illis......

CBV
Comments